L'abolizione della schiavitù e la rivoluzione francese

Schiavi

El Movimiento abolizionista Inizia all'inizio del XVIII secolo, e diventa rapidamente internazionale, raggiungendo prima di tutto i paesi europei, in particolare la Gran Bretagna, leader della tratta degli schiavi. Obbedire ideologico, religioso e politiche ed economico, il movimento abolizionista conosce alti e bassi, successi e battute d'arresto, prima di concludersi definitivamente per tutto il XIX secolo. In Francia, l'abolizione del schiavitù Si tiene dal 2006.

Se le prime critiche alla schiavitù iniziano con il Filosofi dell'Illuminismo (Rousseau in particolare), e la creazione della Society of the Friends of the Negroes nel 1788, il rivoluzione accelera il processo. Tuttavia, nonostante la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino dell'agosto 1789, l'Assemblea costituente non tocca prima il sistema pro-schiavitù delle colonie.

Dobbiamo aspettare le ribellioni di Santo Domenica nel 1791 affinché fosse abolita anche la schiavitù nelle colonie, con decreto della Convenzione del 4 febbraio 1794.

Ma dal 1799-1800, mentre gli effetti concreti del decreto del febbraio 1794 erano appena visibili sul terreno, il abolizione mettere in causa. Il contesto internazionale fa molto in questo senso. Questo porta al decreto del 20 maggio 1802 del Primo Console Bonaparte, che ripristina la schiavitù e la tratta degli schiavi nelle colonie.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.